tornare un’eccellenza nella raccolta differenziata, e diventarlo nell’energia sostenibile

La raccolta differenziata è sempre stata un fiore all’occhiello della nostra comunità, indistintamente da chi guidasse la città. Nel 2019 è venuto il momento di confermare questa nostra vocazione,  e mentre i primi step erano legati alla consapevolezza dei cittadini dell’importanza della raccolta differenziata, oggi crediamo sia necessario creare un circolo virtuoso e di premialità, legato al monitoraggio reale dei rifiuti prodotti, alla valorizzazione concrete di attività come il “riuso”.

Iniziare a collaborare con le associazioni di categoria per creare sistemi di misurazione puntuale della raccolta, collaborare con startup innovative che si occupano di creare sistemi premiali sulle tasse dei cittadini più attenti, prendere spunto dagli input della società civile e dalle associazioni che si dedicano a questi temi da anni, creare sinergie con il sistema scolastico per creare competenze utili per queste tematiche.

A questo si legano tutti i temi di efficentamento energetico, di energia sostenibile e i temi ambientali che  ben conosciamo.

Da avviare

11 azioni da avviare

Azioni


Da avviare
Creazione di un tavolo sui temi della raccolta differenziata e delle opportunità di riuso
chi siamo? cosa facciamo? come lo facciamo?

Diventa fondamentale creare una tavolo di regia sui temi della raccolta differenziata e delle opportunità rappresentate dal riuso.

il tavolo dovrà coinvolgere tutti gli stakeholder cittadini e provinciali, le associazioni di categoria come il mondo no profit, e naturalmente i singoli cittadini interessati.

Le regole fondamentali saranno:

  • darsi un metodo di lavoro
  • darsi un calendario d’incontri e darne sempre pubblica disponibilità

Tenere conto delle opportunità sia economiche e produttive ( in collaborazione con startup e similari) esattamente come di Parole d’ordine come riuso, solidarietà, riciclo, offrendo quindi alle associazioni di volontariato nuove prospettive di crescita, diminuzione dei” beni rifiuto”che possono essere ancora utilizzati a servizio di chi ne ha bisogno; ma anche crescita delle opportunità di lavoro.

adeguamento del sistema di raccolta differenziata
nel 2019 è ora di utilizzare gli strumenti del 21esimo secolo

Ci faremo promotori con il conservco di un adeguamento dei sistemi di raccolta differenziata, a titolo esemplificativo:

Vorremmo valorizzare strumenti  che permettono la misurazione puntuale dei rifiuti raccolti, valorizzazione che passa dalla partnership con startup che sul territorio nazionale si occupano di questi temi. La misurazione puntuale rende disponibili questi “big data” all’amministrazione comunale, di conseguenza possibilità non solo di monitorare la reale produzione, ma anche l’eventuale  valorizzazione di quei rifiuti che possono diventare controvalore economico ( sia esso risparmio per i contribuenti o entrate per l’amministrazione).

 

Piano d’azione energia sostenibile
un vero piano

Si redigerà un “vero” Piano di Azione per l’Energia Sostenibilecercando di perseguire gli obiettivi che l’UE si è prefissata

30/04/2020
adeguamento illuminazione pubblica
m'illumino di meno, m'illumino meglio

l’attuale amministrazione a nostro avviso si è resa parte attiva nelle attività legate ad esempio a “m’illumino di meno” e bisogna riconoscerne la buona volontà.

Ma crediamo sia giunto il momento di fare un cambio di passo, che si attuerà sostituendo progressivamente l’illuminazione pubblica non adeguata agli attuali  parametri di dispersione di radiazione verso l’alto

con l’amianto come mi comporto?
i danni dell'amianto ricadono sulle generazioni future

con decine di sentenze che raccontano i danni provocati dall’amianto, purtroppo l’Italia è ancora ricca dei vecchi manufatti realizzati con questo materiale.

Si aprirà uno sportello per  la conoscenza e l’attivazione delle procedure operativenecessarie  per larimozione e la bonifica di manufatti contenenti amianto presenti nelle civili abitazioni  e negli edifici pubblici.

creazione di competenze tecniche
l'adeguamento del sistema di raccolta differenziata presuppone maggiori competenze da mettere sul mercato del lavoro

l’eventuale collaborazione con una o più  startup sui temi della raccolta differenziata permetteranno una sinergia con le scuole del territorio.

Ad esempio una startup  infatti si è resa disponibile a creare una collaborazione fattiva, in cui da una parte la scuola ( o le scuole) potranno far partecipare i propri allievi allo sviluppo delle versione 2.0 degli strumenti digitali e fisici per un monitoraggio puntuale dall’altra la startup non creerà costi per la cittadinanza per l’implementazione e la produzione di questi strumenti. Permettendo non solo un risparmio all’amministrazione ma soprattutto la crescita di competenze territoriale utili sul mercato del lavoro globale.

Cerchiamo partner
Valorizziamo le occasioni.

C’è un filo conduttore che unisce il nostro territorio e le attuali istanze ambientali delle giovani e giovanissime generazioni:

Il nostro territorio è sempre stato l’avanguardia sui temi ambientali ed energetici ( dalla luce elettrica prima di Parigi per la stazione idroelettrica, fino alla raccolta differenziata porta a porta di metà anni 90). In questo contesto è fondamentale continuare su questo solco e i primi spunti sono quelli d’individuare partner che abbiano gli stessi valori, fare un censimento dello stato dell’arte, nonché co-progettare delle attività.

a questo proposito, in attesa di realizzare un workshop ad hoc per comprendere meglio come muoversi sul territorio nazionale e internazionale, si citano la possibilità di collaborare ( creando protocolli ad hoc con obiettivi di ecosostenibilità condivisi) con realtà come :

  • énostra coop
  • Legambiente
  • Mercatino dell’usato
  • Manitese
  • Cooperativa Risorse Verbania
  • ConserVCO
  • Cooperativa Humana

 

 

fablab
Creare Sinergie

Creare i presupposti perché tra gli spazi del comune e le sinergie sul territorio sia possibile l’apertura di di FabLab.

Un fab lab (dall’inglese fabrication laboratory) è una piccola officina che offre servizi personalizzati di fabbricazione digitale. Un fab lab è generalmente dotato di una serie di strumenti computerizzati in grado di realizzare, in maniera flessibile e semi-automatica, un’ampia gamma di oggetti.

Valorizzazione di ComuniChiamo
Abbiamo uno strumento usiamolo al meglio

Il comune di Verbania già paga un servizio di un App che serve per segnalare problematiche di vario tipo, in particolare negli ambiti di “decoro della città”, “mobilità”, “accessibilità”,” disservizi”. In un ottica di valutazione se lo strumento sia adatto o meno alle esigenze della città , è evidente che sicuramente vada sfruttato al meglio almeno fino al decadere di eventuali vincoli contrattuali ( alla cui scadenza si valuterà se continuare o meno).

Questa ottimizzazione a nostro avviso passa sicuramente per i progetti:

e naturalmente in tutti gli ambiti che potrebbero sfruttarlo al meglio

Campagna di comunicazione adeguata
per ogni progetto, è necessario informare adeguatamente i cittadini

Questa azione sarà presente in tutti i nostri progetti, la comunicazione è l’elemento che mette in connessione tra loro gli esseri umani, l’elemento che ci permette di migliorare.

Per questi motivi tutti i nostri progetti dovranno prendere in considerazione una comunicazione adeguata, un piano strategico di comunicazione e un relativo piano editoriale, a titolo esemplificativo potremmo riassumere questa attività in:

  • individuazione del/dei target a cui il progetto si riferisce e che ne beneficeranno
  • individuazione dei partner istituzionali o meno che possano migliorare anche la comunicazione del progetto e il raggiungimento del target
  • ascolto degli input che arrivano dalla città
  • creazione di un piano di comunicazione e relativo piano editoriale

il tutto cercando di identificare degli obiettivi che permettano di valutare la bontà o meno del piano di comunicazione adottato, quindi degli obiettivi:

  • Specifici
  • Misurabili
  • Raggiungibili
  • Realistici
  • Calendarizzabili ( entro quando?)
valutazione impatto economico-lavorativo
quale lavoro? quale impatto economico?

Tutti i nostri progetti, dovranno avere una valutazione d’impatto economico e lavorativo. Per ogni progetto dovremo chiederci e trovare le risposte su:

  • quale impatto positivo può avere sulle opportunità lavorative?
  • quale impatto economico avrà sul nostro territorio? ( valutazione costi/benefici)

e quindi andrà redatta una relazione semplice e chiara sempre ai disposizione dei cittadini.

 

Iscriviti alla newsletter