L’acqua il nostro futuro e il nostro presente

Siamo in un territorio fortunato, ma per continuare ad esserlo dobbiamo affrontare il tema risorse idriche. deve essere un progetto complessivo e coordinato, da una parte vanno prese in considerazioni tutti gli input che la co-progettazione già avviata in fase di campagna sia da avviare in fase amministrazione siano seriamente valutati, dall’altra vanno attivate tutte le sinergie necessarie perché l’acqua non si ferma ai confini del comune e diventa quindi basilare un coordinamento, di cui il comune di Verbania deve essere volano, primo sostenitore, e primo baluardo ogni qualvolta si renda necessario.

 

Responsabile: Assessore Qualità della vita Ambiente

Consigliere/cittadino Delegato:

Da avviare

6 azioni da avviare

Azioni


Da avviare
A) Creazione di tavolo di regia sulle risorse idriche
chi siamo? cosa vogliamo fare?

è necessario creare un tavolo di regia, dove tutti gli attori e gli stakeholder si possano confrontare e coordinare su una progettualità comune. E’ fondamentale che oltre all’amministrazione, agli esperti, e alle società coinvolte ( esempio acque nord) al tavolo siano presenti anche quelle associazioni che fanno del tema ambientale il fulcro del loro operato e del loro rapporto con i cittadini , a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

  • cnr
  • legambiente
  • arci ( che ci ha chiesto un impegno pubblico sul tema)
  • verbania ambiente
  • etc etc
B) agenda incontri tavolo di regia
come, quando, dove

è necessario creare un’agenda degli appuntamenti del tavolo di regia e darne visibilità pubblica, in modo che i cittadini o le realtà interessate possano saperlo ed eventualmente chiedere di parteciparvi.

C) Stato dell’arte impianti ( accoglimento richiesta ARCI)
verifica dello stato degli impianti idrici

prendendo spunto da un comunicato emesso da ARCI comitato VCO,  consideriamo corretto la necessità di una valutazione dello stato degli impianti idrici del VCO, da svolgere sicuramente in collaborazione con Acque Nord, ma non sono da escludere collaborazioni anche con realtà innovative come a titolo esemplificativo la startup MiDo che si occupa proprio del monitoraggio e della valutazione degli sprechi ambientali , con particolare attenzione a quelli idrici. Sia chiaro questo è un esempio che ci serve a raccontare come la nostra amministrazione in un ottica di co-progettazione e collaborazione, non vorrà solo confrontarsi in modo prioritario con le realtà istituzionali delegate ( confronto che sarà utile e necessario) ma anche cercare di attirare le eccellenze italiche in ambito innovativo, in modo da diventare un riferimento per queste realtà e creando il circolo virtuoso economico relativo (esempio la creazione di sinergie tra le nostre scuole e queste realtà )

D) call per startup sul tema Acqua
Diventiamo attrattivi per le eccellenze nazionali e internazionali

In un ottica di valorizzazione delle risorse idriche da una parte ci sono gli interventi “istituzionali” con acquenord, con gli enti preposti etc… dall’altra però il tema “acqua” è un tema fondamentale a livello globale e sarebbe miope a nostro avviso non cercare di creare sinergie con le migliori realtà nazionali e internazionali.  Ad esempio si potrebbe creare una sinergia con MiDo  ma non solo. Sarebbe fondamentale da una parte creare i presupposti perché le Startup del settore fossero interessate al nostro territorio e dall’altra creare una potenziale sinergia con le scuole del territorio in modo da far crescere le competenze dei nostri giovani e quindi le relative opportunità future.

valutazione impatto economico-lavorativo
quale lavoro? quale impatto economico?

Tutti i nostri progetti, dovranno avere una valutazione d’impatto economico e lavorativo. Per ogni progetto dovremo chiederci e trovare le risposte su:

  • quale impatto positivo può avere sulle opportunità lavorative?
  • quale impatto economico avrà sul nostro territorio? ( valutazione costi/benefici)

e quindi andrà redatta una relazione semplice e chiara sempre ai disposizione dei cittadini.

 

Campagna di comunicazione adeguata
per ogni progetto, è necessario informare adeguatamente i cittadini

Questa azione sarà presente in tutti i nostri progetti, la comunicazione è l’elemento che mette in connessione tra loro gli esseri umani, l’elemento che ci permette di migliorare.

Per questi motivi tutti i nostri progetti dovranno prendere in considerazione una comunicazione adeguata, un piano strategico di comunicazione e un relativo piano editoriale, a titolo esemplificativo potremmo riassumere questa attività in:

  • individuazione del/dei target a cui il progetto si riferisce e che ne beneficeranno
  • individuazione dei partner istituzionali o meno che possano migliorare anche la comunicazione del progetto e il raggiungimento del target
  • ascolto degli input che arrivano dalla città
  • creazione di un piano di comunicazione e relativo piano editoriale

il tutto cercando di identificare degli obiettivi che permettano di valutare la bontà o meno del piano di comunicazione adottato, quindi degli obiettivi:

  • Specifici
  • Misurabili
  • Raggiungibili
  • Realistici
  • Calendarizzabili ( entro quando?)

Iscriviti alla newsletter