Centri espressivi

Luoghi diffusi sul territorio dove gli adolescenti possano esprimersi creativamente: sale di incisione, atelier di pittura e scultura, sala prove di danza e recitazione. Tante volte far conoscere ciò che già esiste è il miglior punto di partenza.
Il tutto in collaborazione con istituzioni e enti presenti sul territorio.

Da avviare

6 azioni da avviare

Azioni


Da avviare
A) Stato dell’arte Spazi per i giovani
mappiamoci per conoscerci

La prima necessità è quello di mappare tutti gli edifici di cui il comune è proprietario o responsabile.

B) messa online degli spazi
quali spazi? dove ? come?

una volta chiusa la mappatura degli spazi, è necessario mettere online questa mappatura. E per quanto sia auspicabile l’utilizzo di piattaforme open, nonché di strumenti come “riusiamo l’Italia” è anche necessario pensare ad servizio User Friendly, ecco perché affianco ad eventuali strumenti “istituzionali” si utilizzeranno strumenti come “mapotic” focalizzati appunto sull’utente.

tavolo di co-progettazione mondo giovanile
lavorare assieme, lavorare bene

Oltre alle attività della commisione è fondamentale creare un tavolo di regia tra assessorato alle politiche giovanili e tutti gli attori attivi nello sviluppo di azioni che coinvolgano i giovani, dai rappresentanti delle realtà giovanili a quello di categoria, passando per il mondo degli insegnanti fino ai singoli protagonisti per uno specifico progetto.

 

per il tavolo va definito un metodo di lavoro, degli obiettivi  e un agenda di lavoro

 

Ufficio Semplice
less is more

In un ottica di co-progettazione con la cittadinanza e di valorizzazione particolare delle istanze giovanili e non solo, non possiamo negare che le pratiche amministrative attualmente siano autoreferenziali, spesso troppo complesse e sicuramente non finalizzate ad un’immediata comprensione.

Per questo motivo è necessario individuare/introdurre un’ufficio al pubblico con lo scopo di unificare e semplificare gli step che i giovani in particolare ( ma non solo) devono svolgere per poter fruire di un determinato servizio o ottenere un determinato vantaggio.

L’ufficio sarà anche il referente per la realizzazione di workshop e attività pubbliche di formazione con lo scopo di confrontarsi con i cittadini, dare loro gli strumenti per lavorare bene con la pubblica amministrazione nonché creare indotto per tutto il territorio.

valutazione impatto economico-lavorativo
quale lavoro? quale impatto economico?

Tutti i nostri progetti, dovranno avere una valutazione d’impatto economico e lavorativo. Per ogni progetto dovremo chiederci e trovare le risposte su:

  • quale impatto positivo può avere sulle opportunità lavorative?
  • quale impatto economico avrà sul nostro territorio? ( valutazione costi/benefici)

e quindi andrà redatta una relazione semplice e chiara sempre ai disposizione dei cittadini.

 

Campagna di comunicazione adeguata
per ogni progetto, è necessario informare adeguatamente i cittadini

Questa azione sarà presente in tutti i nostri progetti, la comunicazione è l’elemento che mette in connessione tra loro gli esseri umani, l’elemento che ci permette di migliorare.

Per questi motivi tutti i nostri progetti dovranno prendere in considerazione una comunicazione adeguata, un piano strategico di comunicazione e un relativo piano editoriale, a titolo esemplificativo potremmo riassumere questa attività in:

  • individuazione del/dei target a cui il progetto si riferisce e che ne beneficeranno
  • individuazione dei partner istituzionali o meno che possano migliorare anche la comunicazione del progetto e il raggiungimento del target
  • ascolto degli input che arrivano dalla città
  • creazione di un piano di comunicazione e relativo piano editoriale

il tutto cercando di identificare degli obiettivi che permettano di valutare la bontà o meno del piano di comunicazione adottato, quindi degli obiettivi:

  • Specifici
  • Misurabili
  • Raggiungibili
  • Realistici
  • Calendarizzabili ( entro quando?)

Iscriviti alla newsletter