#DiversamenteFineCampagna

Solitamente i nostri articoli sono  ricchi di link, di video, di fotografie. Ma questa volta vi mandiamo una semplice lettera, perché dopodomani sceglierete quale futuro auspicate per la nostra città e non vogliamo distrarvi dai pensieri che vi porteranno a delle decisioni; vogliamo ringraziarvi per l’attenzione che ci avete dimostrato e vogliamo stimolarvi all’approfondimento.

La campagna elettorale è stata lunga, ma è stata stimolante: 24 progetti, 123 azioni da avviare, 3 azioni in corso, 3 azioni concluse, questi i numeri ad oggi del progetto che potete visionare on line, altro lavoro è in svolgimento e sarà pubblicato a breve. Ci scusiamo con i cittadini che ci hanno inviato i loro progetti e con i quali ci siamo confrontati e che ancora non sono stati caricati sulla piattaforma, lo faremo, semplicemente non abbiamo ancora fatto in tempo.
Ma tanto lavoro è la punta dell’iceberg delle visione di Verbania che stiamo condividendo.Abbiamo già cercato di definire le differenze tra noi e gli avversari, abbiamo sottolineato alcune parole chiave come partecipazione, giovani, dialogo, co-progettazione, e molte altre ancora…Abbiamo cercato di spiegare sempre ogni nostra proposta, ogni nostro progetto, anche ogni nostra risposta, perché abbiamo cercato di rispondere a tutti voi, di confrontarci con i cittadini, e questo sicuramente sarà l’eredità più valorizzante di questa campagna elettorale: siamo felici di aver avvicinato al nostro progetto tanti cittadini che nulla hanno mai avuto a che fare con la politica, ma proprio l’importanza e il peso di questa eredità ci pone l’obbligo di chiederVi di pensare attentamente a come voterete il 26 maggio prossimo, vi chiediamo di analizzare i fatti, di leggere i programmi, di comprendere gli strumenti che sono stanti messi in campo per realizzare la visione di Verbania dei prossimi anni,  e v’invitiamo a non ragionare “partito preso (mai locuzione fu più azzeccata)” ma di valutare, nello scegliere chi votare, le persone e le loro azioni, sia nel passato che durante la campagna elettorale.

Perché siamo consapevoli che in assoluto il ruolo più importante e di maggior responsabilità in una democrazia è quello del cittadino elettore colei/colui che valuterà sulla base dei dati in proprio possesso cosa vuole che succeda della propria città. Noi speriamo di avervi convinto col nostro dialogo, con i progetti e anche con la nostra ironia 🙂
Perché abbiamo solo un grande timore: se le scelte andranno diversamente da come auspichiamo, temiamo che i cittadini che si sono avvicinati alla politica in questi mesi anche grazie alla nostra apertura, e che hanno dimostrato voglia di co-progettare assieme il futuro, vengano dimenticati e inascoltati dagli altri candidati in corsa.
Perché sappiamo che il metodo che abbiamo intrapreso è molto più complesso e articolato che non il semplice “abbiamo vinto, la maggioranza ci ha scelto per decidere in sua vece”  il nostro metodo presuppone un ascolto continuo, quotidiano, presuppone l’onestà intellettuale di prendersi delle responsabilità, presuppone la voglia di progettare per un intero territorio a priori di come abbia votato…

Temiamo invece che queste cosa “vadano perse come lacrime nella pioggia” perchè non siamo convinti che i nostri avversari avranno la stessa feroce volontà di costruire assieme ai cittadini.

Grazie per gli stimoli a migliorarci che ci avete dato in tutti questi mesi.

Iscriviti alla newsletter